NeurologiaNews.net


News

Topiramato: la maggior parte degli eventi avversi si presenta nelle prime 6 settimane di trattamento

Ricercatori dell’Università di Valencia in Spagna, hanno studiato il momento di presentazione degli eventi avversi, che hanno portato all’interruzione del trattamento con Topiramato ( Topamax ) 100 mg/die nel corso degli studi clinici.

In generale, gli effetti indesiderati hanno prodotto sospensione del trattamento nel 24,9% dei pazienti, che avevano assunto Topiramato 100 mg/die, e dell’11% tra coloro che avevano ricevuto placebo ( p < 0.001 ).

Gli eventi avversi causa di interruzione del trattamento sono stati i seguenti: parestesia ( 8% ), sintomi cognitivi ( 7.3% ), senso di fatica ( 4.7% ), insonnia ( 3.4% ), nausea ( 2.3% ), perdita di appetito, ansia, capogiri ( 2.1% per ciascun effetto ).

L’esordio della maggioranza delle reazioni avverse è avvenuto nella fase di titolazione.

La parestesia, i sintomi cognitivi, la nausea, e la perdita di appetito si sono presentate in una più alta percentuale nel gruppo Topiramato che nel gruppo placebo ( p < 0.01 ).

Dall’analisi dei dati è emerso che gli eventi avversi che portano all’interruzione della terapia avvengono durante la fase di titolazione. Pertanto, se un paziente non ha accusato uno di questi eventi avversi nelle prime 6 settimane di trattamento con Topiramato 100 mg/die, è probabile che non si presentino con il proseguire della terapia. ( Xagena )

Lainez MJ et al, Eur J Neurol 2007; 14: 900-906